Dalla scuola al palcoscenico

Sala Agorà del Teatro della Tosse. Tutto esaurito, tantissimi spettatori in piedi. Un pubblico anomalo, composto in gran parte da studenti delle scuole superiori genovesi. Sul palco sette minidrammi dedicati alla Costituzione italiana, ognuno dei quali allestito - sotto la guida di professionisti dello spettacolo come Enrico Campanati, Susanna Gozzetti, Lisa Galantini, Sabina Villa, Gianni Masella, Roberta Alloisio - da allievi di alcuni istituti scolastici della provincia di Genova. La sera della prima, che si è tenuta sabato scorso (stasera l’ultima rappresentazione), si sono esibiti ragazzi del liceo scientifico Leonardo Da Vinci, dell’istituto nautico San Giorgio, dei licei D’Oria (classico) e Immacolata (scientifico), del liceo artistico Barabino e degli istituti superiori Einaudi, Casaregis e Galilei.
Sul teatro nato e creato all’interno delle scuole grava un equivoco: lo spettro della recita scolastica, delle grossolane macchinazioni di insegnanti appassionati di teatro che desidererebbero plasmare i loro studenti sulla base dei propri ghiribizzi estetici come se gli alunni con cui si rapportano fossero attori professionisti. Niente di più mortale, di meno vicino al teatro. Per fortuna lo spettacolo ideato dalla Tosse non ha nulla a che vedere con il molesto dilettantismo di professori in vena di improvvisarsi artisti. La regia dei minidrammi è curata da personaggi che vivono di teatro e che sanno perfettamente che quando si lavora con giovani sprovvisti di tecnica recitativa il risultato migliore lo si può ottenere proprio facendo tesoro delle insufficienze, considerando le acerbità stilistiche non come difetti da correggere, ma come preziose risorse.