Scuola, parte la caccia al posto fisso: in 1400 per una cattedra

Oltre 22mila precari nelle liste Entro il 31 luglio l’assegnazione

Finalmente sono state pubblicate le graduatorie degli insegnanti abilitati che a spirano a una cattedra nelle scuole di Milano e provincia: sono 22 mila gli iscritti, oltre a diverse migliaia di docenti che sono stati esclusi. In fondo alle graduatorie un migliaio di iscritti con riserva: sono gli insegnanti che hanno anticipato la presentazione delle domande in attesa di concludere i corsi universitari di specializzazione all’insegnamento, corsi che danno diritto all’abilitazione. Così ieri è iniziato l’assalto all’ufficio informazioni dell’Usp (Ufficio scolastico provinciale, l’ex provveditorato) e alle sedi dei sindacati scuola. Non solo per capire i motivi dell’esclusione dalla graduatoria, ma anche per controllare i punteggi assegnati. La sicurezza del punteggio è infatti l’elemento base per essere in gara alla conquista di un posto. Ieri l’Usp ha anche comunicato il numero esatto delle cattedre da coprire: poco più di tremila complessivamente. Metà di questi posti saranno assegnati ai vincitori di concorso, l’altra metà agli iscritti nelle graduatorie appena pubblicate. La disponibilità dei posti varia ovviamente da indirizzo a indirizzo, e da materia a materia. La parte del leone la fanno le materne, ma soprattutto le elementari. Per quanto riguarda gli altri ordini di studi si va dai 300 posti di lettere alle medie, alla gran parte delle discipline delle superiori ciascuna con poche unità di posti. Mediamente comunque si può dire che in gara per ogni posto ci sono 1400 candidati. Spesso un’assunzione viene conquistata o persa anche per un mezzo punto in più o in meno. Ecco perché diventa in questi giorni importante verificare il punteggio acquisito. Nel caso un candidato riscontrasse uno sbaglio, ha a disposizione cinque giorni a partire dal 5 luglio prossimo per presentare ricorso all’amministrazione scolastica. Scaduto questo termine le graduatorie verranno corrette in base ai ricorsi effettivamente fondati, quindi si passerà alla pubblicazione definitiva degli elenchi dai quali verranno scelti gli aventi diritto a un’assunzione a tempo indeterminato. Queste assunzione, come abbiamo detto, devono avvenire entro il 31 luglio. Agli esclusi rimarrà solo la speranza di un posto a tempo determinato, con la solita assunzione per essere prontamente licenziati a fine anno. Queste nomine avverranno comunque presumibilmente durante l’ultima settimana di agosto.