A scuola di rischio, il Muba fa lezione ai bimbi

A scuola di rischio. Questa l’idea alla base della nuova politica di formazione e prevenzione sulla sicurezza sul lavoro messa in campo da Confindustria. Un’azione che, se vuol portare a dei risultati, deve essere il più capillare possibile: per questo partirà a primavera inoltrata una serie di incontri conferenze che toccherà fino al 2010 tutte le sedi locali dell’associazione. Obiettivo: sensibilizzare al problema fondamentale della sicurezza soprattutto gli imprenditori più piccoli, quelli che hanno ditte di dimensioni molto limitate, e che spesso sono operai a loro volta.
Non solo, la prevenzione parte dai piccoli, per questo insieme a Muba, il Museo del bambino di Milano, Confindustria sta organizzando una mostra, o meglio un percorso sensoriale, rivolto ai bambini delle scuole elementari.
Una mostra percorso della durata di un’ora circa per imparare a capire, divertendosi, ad avere il senso del rischio, a riconoscere le situazioni di pericolo e ad evitarle. Questo grazie anche all’esperienza di Muba che lo scorso autunno ha pensato insieme a Inail, «Sicuropoli» un percorso gioco in cui i bambini vengono invitati a trovare soluzioni per mettere in sicurezza le situazioni a rischio ed elaborare strategie per imparare a muoversi nella realtà.
I gruppi di 50 bambini alla volta, dai 6 agli 11 anni, verranno accompagnati nel percorso, da educatori e animatori appositamente formati. La mostra, che toccherà a partire da aprile, tre città, Milano, Roma e una città del sud, è rivolta in particolare alle famiglie dei lavoratori impiegati in imprese associate a Confindustria. Ogni città ospiterà l’iniziativa, per 9 giorni, in questa prima fase sperimentale, dopodiché l’obiettivo di Confindustria è adottarla in tutte le sedi locali.