Le scuole private sono un rifugio per evitare l’indottrinamento

Secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, a Milano si sarebbe registrato un aumento delle iscrizioni nelle scuole private del 10 per cento. Le scuole private laiche sono ambienti nei quali la politica resta fuori, si va per imparare e non per farsi condizionare dai soliti professori impegnati a catechizzare gli allievi secondo le proprie convinzioni politiche che fanno passare in secondo piano l’istruzione vera e propria. È mai possibile che una docente di storia di un ginnasio due anni fa abbia potuto parlare per tutto l’anno unicamente della Palestina, del Medioriente e dei popoli arabi? L’Asia non si ferma al fiume Tigri, c’è molto altro di cui parlare. I ragazzi non ne potevano più.
Emblematico il caso di Marco Ferrando, professore di storia e filosofia al liceo di Finale Ligure, ora fondatore di quel Partito comunista italiano più a sinistra di tutti. Forse molti genitori iscrivono i figli presso scuole private per evitare che finiscano in una sorta di seminario rosso nel quale la storia e la filosofia, e non solo quelle, vengono insegnate secondo criteri di obiettività tutti da dimostrare.