Le scuse di Parigi per la decapitazione di Maria Antonietta

Vienna. A quasi 215 anni di distanza, la Francia si scusa con l’Austria per la decapitazione di Maria Antonietta durante la Rivoluzione francese. «Mi dispiace molto, davvero, di quanto è successo», ha detto a Vienna il ministro degli Esteri francese, Bernard Kouchner, parlando con la collega austriaca Ursula Plassnik.
La Plassnik aveva appena ricordato che il loro precedente incontro, a Parigi la settimana scorsa per il lancio dell’Unione per il Mediterraneo, era avvenuto in place de la Concorde, proprio dove, oltre due secoli fa, fu decapitata una «austriaca». «Sì, lo so - ha proseguito Kouchner -. Mi dispiace per quanto accaduto, ma erano i tempi della Rivoluzione».
Figlia di Francesco Stefano di Lorena e Maria Teresa d’Asburgo, la regina Maria Antonietta era nata a Vienna e morì sulla ghigliottina il 16 ottobre del 1793, pochi mesi dopo il marito, Luigi XVI, che era salito sul patibolo di place de la Concorde il 21 gennaio dopo l’accusa di tradimento.