«Se Galliani è d’accordo a gennaio riscatto Borriello»

Il presidente del Genoa Preziosi esce allo scoperto e il centravanti ringrazia: «Qui sto bene e voglio fare sempre meglio»

Marco Borriello tra presente e soprattutto futuro che sembra essere sempre più colorato di rossoblù. Ieri mattina, infatti, è stato il presidente del Genoa Enrico Preziosi ad uscire allo scoperto: «Se Galliani è d’accordo ci vedremo a gennaio perché ho intenzione di riscattare interamente il centravanti dal Milan». Borriello ringrazia: «Io qui sto benissimo. Questa società mi ha dato la fiducia in un momento delicato della mia carriera e quindi devo molto a chi ha creduto in me come Preziosi. Per questo voglio sempre fare meglio». Sei gol in nove incontri e ora c’è la Roma: «Abbiamo incontrato tutte le grandi eccetto i giallorossi. In tutte le sfide siamo usciti tra gli applausi e contro Juventus, Fiorentina e Palermo meritavamo molto di più. La squadra di Spalletti è forte, ma noi giochiamo in casa dove ci siamo sempre fatti rispettare. Loro ci sono tecnicamente superiori, ma noi abbiamo fame perché questo è un gruppo di gioatori che si vuole rilanciare o che viene dalla serie B».
La Roma arriva a Marassi col dubbio Totti e Borriello è onesto: «Francesco è un fuoriclasse e secondo me è meglio non averlo di fronte senza nulla togliere al resto della squadra. E poi Totti mi pare che a Marassi si scateni. È già sucesso anche contro la Sampdoria». Il bomber del Grifo ha elogiato il mister della Roma, ma ha parole dolci anche per Gasperini: «Con lui abbiamo una identità precisa. Credo che con i giallorossi siamo la formazione che gioca meglio al calcio. Penso che sabato sarà una partita da non perdere». Borriello ha il Genoa in testa, ma è doppiamente sincero quando guarda alla Nazionale: «Onestamente non penso che non sono ancora stato convocato da Donadoni perché gioco nel Genoa. Questa è una piazza importante e non è ancora arrivata la chiamata perché obiettivamente devo fare di più. Ho giocato nove incontri fin qui, di cui sei a ottimi livelli. Poco per arrivare all’azzurro. Davanti a me ci sono giocatori già affermati che hanno dimostrato anche a livello internazionale il proprio lavoro. Se poi continuerò a segnare mi arrabbierò se il commissario tecnico non mi dovesse considerare. Ma per ora non ho nulla da dire».
Ieri prove generali anti-Roma da parte di Gasperini: partitella con la Primavera con tanti gol. Il tecnico ha mischiato le carte, ma si fa largo che il Genoa scelga un atteggiamento con cinque centrocampisti e due sole punte. Konko si è allenato a parte ma è recuperabile. Oggi pomeriggio allo Sheraton assemblea degli azionisti rossoblù.