Se il giornalista (82 anni) manda in pensione il politico (81)

Lungi da noi l’idea di difendere Ciriaco De Mita (nella foto), Dio ce ne scampi e liberi. Ma sull’Espresso, sempre pronto a impartire lezioni di correttezza, questa settimana è comparsa nella rubrica Banana republic la seguente notizia: «Ciriaco De Mita, già onorevole, ha annunciato, alcuni giorni fa, di voler concorrere per l’Udc (il partito di Pier Ferdinando Casini), alle elezioni europee, in programma domenica 7 giugno. De Mita, chi? L’ex segretario della Democrazia cristiana ed ex presidente del Consiglio? Certo. Il politico che per otto anni ha guidato il più importante partito italiano e, alla fine degli anni ’80, ha retto contemporaneamente anche il 51° governo della Repubblica? Proprio lui. L’uomo che più di vent’anni fa fu considerato, a ragione, il personaggio più potente d’Italia? Ma sì. Strano, quasi incredibile: molti, infatti, ritenevano che De Mita avesse ormai una certa età e, dopo aver fatto per ben 11 volte il deputato e varie volte il ministro, avesse detto addio alla politica, ne avesse abbandonato definitivamente la ribalta e, da pensionato con un vitalizio d’oro, si fosse ritirato nel suo bell’attico di via del Tritone a Roma, o nell’eremo paterno della sua Avellino in Irpinia, a curare le rose e a leggere qualche libro, come s’addice a un intellettuale della Magna Grecia (così l’aveva battezzato l’avvocato Gianni Agnelli). E, invece, macché rose, macché libri. A 81 anni suonati, quest’uomo dimenticato, questo potente d’altri tempi, si accinge a scarpinare su e giù per l’Italia, per fare comizi, mostrarsi in spot, affrontare elettori, cercare voti, affrontare la stressante incertezza del risultato elettorale, come tutti gli altri candidati. E tutto questo perché? Per andare a sedersi su uno dei 785 anonimi scranni del Parlamento di Strasburgo. Che malinconia».
L’autore del pezzullo è Guido Quaranta, che di anni ne farà 82 fra un mese. Che faccia tosta.