SE I BORGHEZIO AIUTANO LE MOSCHEE

Carissimo Cacchiani, sono assolutamente d’accordo con lei sui principi e sulla difesa delle nostre tradizioni, della nostra identità, della nostra cultura e, perchè no?, della nostra Fede. Mi sembra che ci siano già in giro troppi Simon Pietri pronti a rinnegare i propri valori tre volte, prima che canti il gallo, per aggiungerci anche noi.
L’unico punto su cui non concordo è l’utilità dell’operato di Borghezio e dei «Borghezi» per portare avanti questa sacrosanta battaglia. E glielo dice uno che ha difeso l’eurodeputato del Carroccio ogni volta che è stato vergognosamente attaccato dai centri sociali, uno che sa benissimo che Borghezio non ha mai fatto male a una mosca, uno che - spesso, non sempre - addirittura condivide le idee di Borghezio. «Un razzista!» le direbbero i paladini del politicamente corretto.
Ma, proprio perchè Borghezio non dice sempre sciocchezze, è giusto preservare Borghezio dalle sue sciocchezze. E il giorno che ha partecipato al presidio leghista alla Commenda di Prè credo che l’europarlamentare del Carroccio ne abbia inanellate talmente tante come raramente riesce in natura. Facendo enormi danni anche alla sua (giusta) causa.
L’uomo, che è naif, ma (...)