Se i ladri restituiscono i quadri rubati

Se l’avessero saputo prima probabilmente si sarebbero risparmiati l’immane fatica: perché rubare il quadro Olympia di Magritte dalla casa-museo del pittore belga, e per di più in pieno giorno, non deve essere stato facile come bere un bicchier d’acqua.
Il problema è che dopo tutti gli sforzi per portarsi a casa il quadro i due ladri non sono riusciti in nessun modo a piazzarlo sul mercato nero. Probabilmente nell’organizzare il piano sono stati un po’ avventati: non avevano infatti fatto i conti con la notorietà del dipinto, troppo famoso per essere venduto senza creare grane all’acquirente. Tenta e ritenta devono essersi scoraggiati. Fino a quando non sono stati assaliti da un terribile dubbio: sarebbero mai riusciti a sbarazzarsi dell’opera trovando un compratore?
Alla fine devono aver pensato di no, e hanno optato per una scelta imprevedibile ma tutto sommato di buon senso: presi dalla disperazione non sapendo cosa bene cosa fare del bottino, hanno deciso di mandarlo all'esperto d'arte Janpiet Callens. Non si sa cosa abbia pensato Callens dell’insolito dono che gli è stato recapitato, ma l'ha prontamente consegnato alle forze dell'ordine. Probabile che i due ladri pasticcioni non fossero pienamente consapevoli della popolarità dell’opera. Il dipinto rappresenta un nudo femminile, e la modella che ha posato è la moglie di Magritte, Georgette, immortalata semidistesa su un prato con il mare sullo sfondo mentre tiene in grembo una grande conchiglia.
Il quadro non è solo popolare in sè, ma trae ispirazione da un’altra opera assai conosciuta e amata: quella omonima dipinta nel 1863 dal pittore francese Edouard Manet. Il quadro al momento del furto si trovava a Jette, dove erano esposte molte tele di Magritte prima dell'apertura del museo a lui interamente dedicato nei dintorni di Bruxelles.
Adesso il dipinto rubato oltre due anni fa tornerà a ad essere esposto in pubblico. I ladri invece restano uccel di bosco.