Se l’alluvionato aiuta i terremotati

«L’ultimo assegno da 1.180 euro è stato staccato ieri mattina al signor Luigi Merello, uno dei tanti, tantissimi alluvionati di corso Sardegna, ai quali il comitato “Amici del Giornale“ ha distribuito i fondi raccolti in questi mesi. Il nostro conto corrente di solidarietà chiude. Grazie a tutti». C’era scritto così, l’8 aprile scorso, su queste pagine, in appendice alla manifestazione di solidarietà dei lettori del nostro quotidiano seguita al devastante evento alluvionale. Una solidarietà autentica e sincera, e quindi anche contagiosa, che, proprio chi ha potuto misurare sulla propria pelle, ora desidera in qualche modo restituire. Come lo stesso Luigi Merello. Che ci ha comunicato la decisione di devolvere una somma sul conto corrente aperto dal Giornale presso la Banca Passadore a favore delle popolazioni dell’Emilia colpite dal terremoto. Chi ha subìto una calamità, chi ha avuto il negozio distrutto, e soprattutto ha visto distrutta un’attività economica su cui basava le proprie risorse, può ben capire cosa significhi scoprirsi all’improvviso senza un tetto, senza quattro mura, senza una prospettiva di guadagno e di vita. Ecco perché il gesto di Merello assume un significato che va ben al di là della somma elargita. Allo stesso modo, vanno al di là di quanto versato anche i più recenti contributi del signor Mereu e delle signore Silvia Franceschelli Peruzzo e Anna Franceschelli, di Sestri Ponente. Ulteriori manifestazioni di solidarietà che si aggiungono alle altre già pervenute e fanno ormai toccare i 7mila euro di raccolta.
Intanto, in tema alluvione, si segnala la notizia che il Parlamento europeo ha dato il via libera a oltre 18 milioni di aiuti per gli eventi dell’autunno scorso in Liguria e Toscana. «Siamo pronti a spendere i contributi che riceveremo - commenta l’assessore regionale Renata Briano - a favore del territorio, grazie anche all’ottimo lavoro fatto dai nostri uffici con un esaustivo dossier su quanto c’è ancora da fare». Molto soddisfatto anche il vicesegretario nazionale della Lega Nord Liguria, Bruno Ferraccioli, che dichiara: «Saluto questo importante risultato per i territori liguri colpiti dall’alluvione, e ringrazio l’onorevole Matteo Salvini per l’impegno, assunto assieme agli eurodeputati liguri, per arrivare a questo tangibile risultato e per gli atti compiuti in sede europea per far capire la gravità della situazione e la necessità di una rapida approvazione da parte della Commissione Europea. Ricordando - conclude Ferraccioli - che i fondi sono destinati esclusivamente al finanziamento delle infrastrutture e non dei danni subiti da privati, vigileremo che il governo Monti metta immediatamente a disposizione le somme destinate alla Liguria».