Se l’arte è ingenua ma solo di nome

È stato presentato ieri al Pirellone il «Premio Arteingenua 2008, Concorso internazionale di pittura, scultura e fotografia per giovani artisti IMPATTO_ARTE: luogo + relazioni». Una sfida lanciata ai talenti di tutto il mondo con il patrocinio del consiglio regionale e l’appoggio del presidente Ettore Adalberto Albertoni che parteciperà all’inaugurazione. Un primo, grande traguardo, sono le visite che ha raccolto il sito www.arteingenua.com, oltre un milione e centomila, da ottobre 2007 ad aprile. Gia più di mille e cento le richieste di partecipazione di artisti internazionali, provenienti da 36 nazioni. Sono state oltre 350 le opere selezionate, realizzate da 285 artisti, di cui 107 stranieri. Fra tutti gli artisti partecipanti, sono 127 le donne e 158 gli uomini. Dall’Italia, sono 71 le province di provenienza degli artisti. Questo il sorprendente traguardo raggiunto da Arteingenua, nuovo contenitore d’arte contemporanea ed innovativa forma di mecenatismo culturale, con il
Tornando al premio, sono tre le linee teoriche ed estetiche principali che Arteingenua ha proposto agli artisti: il concetto di impatto, da leggersi ora come scontro e contatto, ora come contatto e trasformazione, e da intrecciare con le categorie di luogo e relazioni. Una sfida creativa, che si completa con un montepremi di sicuro impatto, unico per ammontare, a livello privato, anche in ambito internazionale, con un primo premio di 30mila euro, seguito da un secondo e da un terzo premio rispettivamente di 7mila e 3mila euro, per un totale di 40mila euro. Un riconoscimento economico importante, in grado di permettere ai tre artisti vincitori di investire su loro stessi: dall’acquisto dei materiali per «fare arte», alla progettazione di viaggi ed esperienze destinati alla ricerca creativa.
Ma, come detto, non si tratta solamente di numeri: un’adesione così ampia fa sì che Arteingenua si addentri sempre più profondamente fra le forme e le tensioni creative dei giovani artisti internazionali, caratterizzandosi come un progetto alle cui fondamenta sono l’amore per l’arte, il mecenatismo e il desiderio di bellezza; alla cui sommità è il sogno – sempre più tangibile – di un futuro capace di dialogare, e crescere, con e per il mondo.
Dal 9 al 25 maggio sarà possibile visitare la mostra del Premio Arteingenua 2008, negli spazi del Grande e Piccolo Miglio del Castello di Brescia, con ingresso gratuito. Si potranno ammirare le 40 opere selezionate e il video-catalogo.