Se un occhio è il boccone prelibato

«La leggenda più diffusa sul cibo arabo è quella per cui all’ospite d’onore viene offerto un occhio di pecora. (...). L’emiro che mi ospitava cavò l’occhio dall’orbita portandolo alla bocca mentre io strappavo un pezzetto d’orecchio per prendere tempo. Dopo aver preso un altro occhio mi chiese: “Lo vuole?”. “È contro la mia religione, dissi in un momento d’ispirazione”. “Capisco”, replicò lui e inghiotti anche quello». (Tratto da: «Mangia etnico» di Q. Crewe, Morellini Editore).