Se salta il gettone i consiglieri disertano le nozze da celebrare

La grande fuga. Da inizio settembre i consiglieri comunali hanno detto addio ai 51,65 euro che ricevevano come gettone quando dedicavano una giornata a celebrare i matrimoni civili. Una conseguenza dei tagli previsti dalla Finanziaria, chi unisce le coppie per sempre deve accontentarsi di un grazie e di un rimborso spese per il viaggio, che sia il taxi o il biglietto dei mezzi pubblici. Comunque, non oltre 32 euro e la richiesta va documentata con la ricevuta. E con il taglio, nel Comune di Milano diversi consiglieri sono diventati improvvisamente meno romantici. L’ufficio matrimoni deve fare i conti con un boom di defezioni dell’ultimo minuto, il più delle volte subentrano i funzionari comunali, per fortuna c’è ancora una voglia bipartisan (vedi Stefano Di Martino del Pdl o Andrea Fanzago del Pd) di partecipare al giorno più bello dei milanesi. Sono i supplenti più richiesti.