Se a Silvia non piace più Portofino...

Brutte notizie dal gran mondo di Portofino: pare che Silvia Toffanin, l’amata fidanzata di Pier Silvio Berlusconi, abbia deciso di abbandonare il borgo e andarsene, con lui naturalmente, all’isola d’Elba, a Marciana Marina. Lo conferma Giovanni Audifreddi (Vanity Spy) che riceve una pepatissiima dichiarazione di Silvia: «... basta aspettare che lui, Pier Silvio, finisca il duro allenamento quotidiano a base di jogging, nuotate e pesi. Basta puntate al largo di San Fruttuoso...».
Una noia, sembra sussurrare la dolce Silvia. Lui col suo nuovo yacht di 22 metri (il Mochin Dolphin) accetterà ovviamente le proposte dell’amata e scapperà da Portofino. Ma fino a quando? Intanto il sindaco «tigre» Devoto è rimasto entusiasta dell’ultima regata (anche se lo Zegna è fuggito, ci sono altre manifestazioni), ha salutato il Della Valle, il Romeo Gigli appassionato di fotografia, Little Tony sempre in piacevole compagnia e soprattutto quel Massimo Boldi che, sulla piazzetta, ha confermato di voler tornare insieme a Christian De Sica. Forza della piazzetta.
Vergassola. Da Portofino a La Spezia, dove il comico stravagante e trasgressivo Dario Vergassola ha festeggiato i suoi primi 50 anni. Lo ha fatto dopo essere stato nuovamente «assunto» da Maurizio Costanzo (era partito da lì tanti anni fa...). Lo ha fatto rilasciando interviste piccantissime, come fa lui anche sul divano di Serena Dandini. Domanda: «Un bilancio di questi 50 anni?». Risposta: «Direi che sono arrivato a questa età in seguito ad una serie di coincidenze andate a buon fine: la gestione psichiatrica della mia vita è tutta a cura di mia moglie...» Domanda: «Come si vede fra dieci anni?». Risposta: «Il mio futuro è quello di andare a buttare giù palamiti...» (nel mare spezzino ndr). Vergassola ha festeggiato sulle colline di Spezia con gli amici del suo quartiere. «È stata una specie di Woodstock, ma senza sesso, né droga...».
Marugo. Barbara Marugo, bella ragazza genovese, ha presentato alla «Feltrinelli» il suo primo romanzo «Guardami negli occhi» (edizione Rizzoli). Top-model per cinque anni, ha deciso di lasciare e diventare «capopattuglia» della Polizia municipale di Milano. Recensioni a iosa sui giornali italiani, da «Anna» della sua amica genovese Maria Latella, a «Famiglia Cristiana» molto sensibile ai problemi dell’anoressia delle indossatrici. Barbara in un’intervista a Primocanale ha detto: «Ho svoltato nella mia vita, preferisco fermarmi sui problemi di una ragazza rumena che sulle aspirazioni di una velina».
È stata per anni nel lusso, accanto a Monica Bellucci, ha conosciuto e frequentato Alberto Sordi, ha vissuto intensamente l’aria delle grandi capitali della moda. Ma oggi preferisce scrivere, scrivere, scrivere. Ha già pronto il suo secondo romanzo, dedicato a Venezia. Dalla Lanterna alla gondola.