Se lo spacciatore viene arrestato è il vicino a innaffiare la marijuana

A Ostia i carabinieri sorprendono nella casa di uno spacciatore appena arrestato il vicino che annaffia le piante di marijuana. E gli arresti diventano due

Roma - Abituati a rapporti di buon vicinato? Questa storia va oltre i parametri di gentilezza condominiale e mette nei guai un solerte compagno di pianerottolo.

Arresto E' successo a Ostia dove i carabinieri entrando nell’abitazione di un pusher arrestato poco prima, hanno sorpreso il vicino di casa mentre sul balcone innaffiava piante di marjuana. Lo spacciatore di soli 18 anni era stato sorpreso a piazza Gasparri con diverse dosi di cocaina pronte per la vendita.

Vicino Quando i carabinieri sono entrati nella sua abitazione per la perquisizione oltre ad aver sequestrato altra cocaina, hanno sorpreso il vicino, un romano di 49 anni, pregiudicato, e amico dell’arrestato, intento a dare acqua alle sue piantine di mariyuana, coltivate sul terrazzo di casa. È scattato così un secondo arresto e il sequestro delle piante di canapa indiana e altri 200 g di marjuana già pronti per lo smercio. I due saranno processati con rito direttissimo.