Se la spiaggia d’estate diventa come casa nostra

Le attrezzature più comode per avere il massimo relax in riva al mare

Ci si avvicina ai mesi davvero più caldi dell'anno ed ecco che la spiaggia, nostrana o tropicale che sia, diventa la nostra casa per qualche ora o per un'intera giornata. Perché non illustrare quanto di glamour o di eleganza possiamo portare con noi sulla sabbia? In fondo in ciascuno di noi, nel muoversi all'aria aperta, rimangono tracce di come siamo abituati a vivere, delle cose che ci affascinano, delle abitudini che fatalmente ci condizionano, dei comportamenti cui siamo legati e che amiamo.
Il grande scrittore americano William Faulkner si misurò in un racconto straordinario nel quale mostrava come durante una vacanza uno dei suoi personaggi non riusciva ad abbandonare le solite abitudini, ed arrivò a trasformare quei giorni che avrebbero dovuti essere di gioia e liberazione in un vero incubo di passioni represse e ricordi a volte per nulla gradevoli. Ma poi tutto si rasserenò quando nel cielo cominciarono a volare gli aquiloni, che lo trascinarono come in un sogno verso un'aria purificatrice e ricca di felicità che gli faceva rivedere i luoghi più cari. Ora non pretendiamo che il portarci su una spiaggia tutta una serie di oggetti per stare più comodi o per essere più serviti ci trasformi nel personaggio di Faulkner, ma certamente l'essere circondati da cose belle ed eleganti rende tutto più gradevole. Importante è procurarci il tutto per tempo, e noi siamo qui per questo, in maniera che possiamo godere di un minimo di organizzazione, anche nei casi nei quali non siamo né soli, né in coppia, ma con i diversi figli, che fatalmente incidono non poco, soprattutto se non grandicelli, sulle spiagge anche più comode.
(hanno collaborato:
Albino Boffi

e Gabriella Kuruvilla)