Se il tassista ha la radio accesa il cliente non paga

Non devono fare una bella vita i tassisti finlandesi. Lavorano per tante ore, spesso di notte, e per una disattenzione, magari per mantenersi svegli, rischiano anche di lavorare per la gloria. Una legge degli anni Novanta, vieta infatti ai tassisti di ascoltare la radio mentre stanno guidando con a bordo dei passeggeri. È una norma molto restrittiva che si basa sul presupposto legittimo: anche la radio, così come i cellulari, è fonte di distrazione per il guidatore. Allora oggi in Finlandia per scoraggiare l’utilizzo della radio durante le corse, il provvedimento prevede che imbarcati i passeggeri con la radio accesa, il tassista deve pagare una tassa supplementare molto alta. Significa che la gran parte dei lavoratori che si dimenticano di spegnere la loro unica compagna di viaggio, non fanno pagare il cliente: in questo modo è come se la corsa non ci sia mai stata, oppure è come se il tassista abbia dato un passaggio a un amico. Il pensiero non è comunque una grande consolazione.