Seat, tutti i debiti alla newco entro settembre

È previsto per il 6 settembre prossimo il capitolo finale del riassetto Seat. È questa la data effettiva della ristrutturazione entro la quale tutti i tasselli del complesso puzzle iniziato circa un anno fa dovranno andare a posto. Seat Pagine Gialle, entro tre mesi, sarà una holding «vuota» quotata che controllerà la newco Opco a cui saranno conferiti tutti gli asset e i debiti della società torinese. In questo modo i pegni in mano ai vari creditori di Seat riguarderanno azioni Opco, mentre le azioni Seat saranno liberamente scambiabili dai detentori: viene soddisfatta in questo modo la richiesta degli obbligazionisti lighthouse, che diventeranno ora azionisti all’88%, di avere in mano azioni scambiabili sul mercato. Per il riassetto Seat, che rivoluzionerà l’azionariato e taglierà i debiti di circa 1,3 miliardi, sono stati impegnati una quarantina di advisor e la società pagherà tra i 70 e gli 80 milioni in termini di consent fee (premio per l’assenso dei creditori) e consulenze legali e fiscali. Quanto agli azionisti di riferimento, Permira e Investitori Associati, hanno chiesto la manleva per il cda, da loro stessi espresso.