Sec: nel mirino Moody’s, S&P e Fitch

da Milano

Le tre maggiori agenzie di rating finiscono nel mirino della Sec (l’authority della Borsa Usa) per verificare se ci sono state irregolarità nel trattamento dei dati e nell’assegnazione dei rating, soprattutto durante la crisi finanziaria innescata dai mutui subprime. A richiamare l’attenzione della Sec è stato in particolare il caso di Moody’s che, «per un errore informatico» ha classificato con un giudizio di tripla A titoli che invece non lo meritavano. «Abbiamo inviato a Moody’s, S&P e Fitch lettere in cui chiediamo di chiarire le procedure e le metodologie seguite anche nell’individuazione di errori commessi nell’assegnazione dei rating su prodotti di finanza strutturata», ha dichiarato Erik Sirri, direttore della divisione mercati della Sec. La Consob americana vuole anche sapere se sono stati riscontrati errori negli ultimi quattro anni e quali contromisure sono state adottate. Il prossimo 11 giugno la Sec proporrà formalmente una nuova normativa sulle agenzie di rating.