La seconda guerra mondiale a colpi di mouse

Negli ultimi mesi sono stati pubblicati una serie di titoli relativi alla Seconda Guerra Mondiale: da Metal of Honor a Brothers in Arms. Ma se dovessimo decidere a chi affidarci per una trasposizione iper-realistica del conflitto bellico la scelta ricadrebbe su Call Of Duty 3 (Activision per Xbox 360).
La trama. L’umanità sta per essere devastata dal più grande conflitto bellico che si sia mai trovata ad affrontare. Milioni di uomini ogni giorno combattono e muoiono. Voi siete tra questi uomini, con la sola differenza che, almeno per il momento, siete ancora vivo. Il nemico si trova dietro ogni angolo, i vostri compagni, giovani coi quali avete condiviso il rancio o una sigaretta solo pochi istanti prima, giacciono ai vostri piedi.
Pregi e difetti. Il primo elemento che colpisce di questo prodotto è l’assoluta fedeltà nel presentare situazioni e elementi tipici del conflitto bellico a tutti tristemente noto. Ogni singola missione riproduce episodi storici realmente accaduti con una cura dei particolari quasi maniacale.
Ottima anche la grafica, in grado di ricreare armi e mezzi in maniera assolutamente realistica. Stesso dicasi per i singoli soldati, ricreati con una sapiente miscela di texture in modo da sembrare davvero «umani». Nota di merito per il sonoro, quanto di più stupefacente apparso sulla Xbox 360 sino ad ora.
I trucchi. Completando particolari immissioni otterrete titoli di merito. Inoltre per divenire British Commando dovrete completare due missioni da soldato inglese, mentre per il grado di Luogotenente dovrete accumulare 200 punti in match multiplayer.