Seconde case, proposta per attribuire le «stelle» come si fa per gli alberghi

Si è svolto alla Camera di Commercio un convegno sul tema «Mercato immobiliare, turismo e sviluppo locale». L'iniziativa organizzata da Assimil, l'Associazione per lo Studio e l'Informazione sui Mercati Immobiliari Locali, unitamente alle Camere di Commercio di Savona e Genova, con il contributo di Ance Liguria, Unione Industriali di Savona e Cassa di Risparmio di Savona, era incentrata sulle seconde case e sulla proposta di istituire una classificazione simile a quella degli alberghi. «Nel Savonese - ha detto Silvio Accinelli, vice presidente della Camera di Commercio e di Assimil - le seconde case sono oltre 90mila, a Borghetto Santo Spirito 9444, a Vado Ligure 338, a Savona 4000».