Secondo incendio doloso all’ospedale San Carlo

Un incendio doloso al pronto soccorso dell’Ospedale San Carlo Borromeo di Milano è avvenuto intorno alle 2.30 di ieri. È il secondo episodio di questo tipo in un mese.
A prendere fuoco è stato un letto nell’area del pronto soccorso, molto vicino alle bombole di ossigeno che si usano per gli interventi di urgenza. Il pronto intervento degli infermieri, che hanno spento le fiamme con gli estintori, ha evitato una situazione che poteva essere molto più drammatica. «Per fortuna - dicono dall’ospedale - a quell’ora nel pronto soccorso c’erano solo cinque persone; se fosse successo solo due ore prima, quando c’è stato un picco con quasi cinquanta persone, le cose potevano essere più difficili da gestire».
I vigili del fuoco, riporta la struttura, sono intervenuti quando l’incendio era già sotto controllo, e hanno potuto appurare la natura dolosa del gesto. Come detto si tratta del secondo episodio di questo tipo: nel primo, avvenuto un mese fa, era stato incendiato un contenitore metallico pieno di pezzi di ferro e gomma (materiale quindi difficilmente infiammabile), che aveva parzialmente danneggiato la facciata del dipartimento di oncologia e costretto i degenti al temporaneo trasferimento. «Prendiamo atto del secondo avvertimento al nostro ospedale - precisa Antonio Mobilia, direttore generale del San Carlo - ma quello che è il nostro sforzo per il suo rilancio continua».