Sedicenne massacrato e filmato col telefonino

Un ragazzo di 16 anni, studente in un istituto professionale, è stato picchiato selvaggiamente e filmato durante il pestaggio dai compagni della gang di cui fa parte. L’episodio, accertato dai carabinieri della compagnia Portoria a cui i genitori del ragazzo hanno sporto denuncia, è avvenuto lunedì scorso.
Il ragazzino avrebbe «soffiato» la ragazza al capo della gang, uno «sgarro» tale da meritare una punizione esemplare, una sorta di gogna mediatica. Il ragazzo, dopo la «lezione» è finito all’ospedale Villa Scassi per trauma cranico, ferite ed escoriazioni guaribili in 20 giorni. Il giovane ha avuto il coraggio di denunciare il fatto ai genitori che hanno chiamato i carabinieri. I militari della stazione di San Teodoro e della compagnia di Portoria hanno rintracciato i colpevoli dell’aggressione. Si tratta di due coetanei della vittima che sono stati denunciati a piede libero per i reati di minacce aggravate, lesioni e ingiurie. I militari hanno sequestrato anche il telefono cellulare usato per riprendere la spedizione punitiva. All’interno hanno rinvenuto «la prova» dell’aggressione ovvero le scene nelle quali si vede il giovane a terra sanguinante minacciato e deriso dai due bulli: «Così capisci chi comanda» dicono i ragazzi e «Ti avevo avvertito di non metterti con quella ragazza».