Dopo sedici anni, ecco «Via Enzo Tortora»

Il Comune ha deciso: sarà «il tratto viario tra via Roma e Galleria Mazzini». Ci sarà scritto, finalmente: «Via Enzo Tortora». Subito sotto, come si fa con chiunque viene ricordato con l’intitolazione di una strada o di una piazza, la qualifica.
E qui, magari, cominciano le difficoltà: «presentatore televisivo» pare poco; «giornalista», diciamoci la verità, ancora meno...
Peggio ancora, forse, definirlo «genovese», ancorché «illustre», lui che quando Enzo Biagi gli domandò: «Pensi di aver commesso qualche errore?», replicò secco: «Sì, il passaporto. Aver preso un passaporto sbagliato». (...)