Seduce quelli che le stanno intorno: ecco la sottile vendetta della pianista

Banali per uno, per un altro sono invece decisivi certi momenti avuti in comune. La voltapagine di Denis Dercourt racconta dunque d'una giovane (Deborah François) che da ragazzina ha perso l'occasione della vita come pianista per la leggerezza dell'artista affermata (Catherine Frot), che ne esaminava distrattamente il lavoro. La incontra dopo anni e s'adatta a lavorare per lei come voltapagine dello spartito durante le prove e i concerti. Perché? Per umiliarsi, ma anche per sedurre chi sta intorno a colei che, nel momento decisivo, non la prese sul serio, fino a distruggerle la vita. Presentato a Cannes 2006 nella rassegna Un certain regard, La voltapagine appartiene al filone saffico liofilizzato (viene in mente talora Scacco alla regina di Pasquale Festa Campanile). Dunque non cade né nell'erotico, né nel ridicolo; anzi, ha perfino momenti originali. La François e la Frot gareggiano in bravura.
LA VOLTAPAGINE di Denis Dercourt (Francia, 2006), con Deborah François, Denis Dercourt. 85 minuti