Sedusse l’alunno l’insegnante Usa non va a processo

da New York

Non sarà processata una maestra della Florida accusata di avere avuto rapporti sessuali con un alunno quattordicenne. La bella Debra Lafave, una ex-fotomodella, era accusata di avere fatto l’amore con il ragazzo in classe, a casa della maestra e in macchina (mentre guidava un altro alunno). Ma l’accusa della Contea di Marion ha deciso di far cadere le incriminazioni contro la ex-maestra dopo il rifiuto del ragazzo di presentarsi in aula a testimoniare contro l’insegnante. Un esame psichiatrico ha mostrato che il ragazzo è rimasto traumatizzato dalla vicenda e non vuole partecipare ad un processo destinato a essere trasmesso dalle tv locali. Nel novembre scorso la ex-maestra, che ha 25 anni, aveva ammesso di avere avuto rapporti sessuali con lo studente nella Contea di Hillsborough, cavandosela con tre anni di arresti domiciliari. La giovane, infatti, patteggiò la sua pena. Nel frattempo la docente aveva rinunciato all’insegnamento - del resto, le sarebbe stato difficile trovare una scuola che l’assumesse -. In tribunale, a Tampa, Debra s’era anche detta pentita del suo comportamento: «Accetto la piena responsabilità delle mie azioni», dichiarò, dopo avere ammesso di avere fatto sesso con il ragazzo tre volte, una in classe, una a casa sua e una in auto, mentre un cugino adolescente dell’allievo amante li scorrazzava in giro.
In precedenza l’insegnante aveva sostenuto di avere avuto rapporti sessuali con l’alunno mentre era sotto il trauma di un matrimonio fallito e di un lavoro, in una piccola scuola media di Tampa, che non le dava alcuna soddisfazione: «Non ero in grado di distinguere tra cose giuste e sbagliate». Il nuovo processo era limitato ai rapporti sessuali avvenuti nella vettura ma l’accusa ha deciso di rinunciare a portare avanti il procedimento per tutelare la «salute mentale» del ragazzo.