La seduzione spiegata al popolo (maschile)

Certo che noi uomini non capiamo proprio niente. Diciamolo: siamo proprio rimbambiti. Per carità, la cosa è certificata da tempo, poi però diventa evidente quando sul tavolo di Eleonora scopri un libro dal titolo inequivocabile: Il linguaggio del corpo in amore (per chi volesse addentrarsi è di Marco Pacori ed è edito da Sperling&Kupfer). In pratica: noi uomini siamo proprio un disastro. E la dimostrazione arriva dalla signorina pettoruta e in abitino casualmente tattico che accompagna con illustrazioni il passaggio verso la conoscenza. Di tutto quello che avremmo dovuto sapere in questi anni in fatto di donne, s’intende. E allora, uomini: volete sapere quando una signora vi sta facendo - per così dire - l’occhiolino? Ce lo dice il libro, naturalmente (occhiolino escluso), perché la casistica non lascia adito a dubbi. Quindi, una donna ci sta provando quando: 1) in un locale balla da sola avvicinandosi al prescelto; 2) si sposta più volte senza una meta passando accanto al candidato; 3) si allontana dal gruppo; 4) esce dal locale per fumare da sola; 4) orienta il corpo verso il prescelto; 5) si volta verso il candidato appena lo incrocia; 6) sposta lo sguardo su uno degli astanti; 6) si passa una mano nei capelli; 7) ride col gruppo orientando la testa verso il prescelto; 8) sorride; 9) si siede tirando il petto (e complimenti, signorina) in fuori; 10) intreccia le mani tra le gambe per gonfiare il seno (sempre complimenti, signorina); 11) piega la caviglia creando continuità con la gamba; 12) annoda gambe e piedi; 13) piega l’avambraccio con una forte angolazione; 14) piega il polso verso l’esterno; 15) piega il polso verso di sé; 16) piega la testa di lato; 17) piega la testa in avanti; 18) si aggiusta la gonna quando non serve; 19) si sfila la scarpa e la rimette; 20) si fa scivolare una spallina. A questo punto ci sarebbe (molto) altro, ma forse è meglio non andare oltre e dichiararsi rimbambiti forever. Anche perché - tra l’altro - ci sarebbe pure «va a salutare un’amica seduta accanto al prescelto». E viste tutte le colleghe che passano spesso in ufficio a trovare Gioia...