Seggi aperti fino alle 15 ad Abbiategrasso, Cernusco, Garbagnate, Meda e San Donato. La Cdl punta a fare «cinquina» per completare il trionfo del 27 e 28 maggio Ballottaggi: sale la tensione, calano gli elettori I risultati dei cinque Comuni dove il sin

Il test anche per nominare 110 consiglieri comunali

Sono 150mila gli elettori tornati alle urne. Voto in cinque Comuni del Milanese - Meda, Garbagnate, Cernusco, Abbiategrasso e San Donato -, dove al primo turno il centrodestra non ha ottenuto il 50 per cento dei voti più uno.
Nuovo test elettorale due settimane dopo la netta vittoria della Cdl e lo tsumani abbattutosi sulla sinistra. E anche stavolta in quattro sfide su cinque - a Meda il ballottaggio è tra Cdl e Lega - il centrodestra è favorito. Ma pure oggi (urne aperte dalle 7 alle 15) è «indispendabile andare ai seggi» perché «è importante mandare un altro segnale al governo Prodi» chiosa Massimo Ponzoni, assessore regionale che in questa tornata elettorale si è speso concretamente per dare il colpo di grazia alla sinistra.
Appello al voto sottoscritto, naturalmente, non solo dai candidati sindaci della Cdl, ma pure da tutti i vertici di Forza Italia e della coalizione. Il risultato è in quel 49,5 per cento (rispetto alla media del 57 per cento di quindici giorni fa, sempre alle 22) di elettori che si sono recati alle urne. Vediamo però in dettaglio la giornata del voto, Comune per Comune.
Alle 12 il picco massimo di affluenza (17,5) si è registrato a Cernusco sul Naviglio: Abbiategrasso (15,7), Garbagnate (12,4), San Donato (14,5) e Meda (11,6). Mediamente due punti in meno rispetto all’affluenza del 27 e 28 maggio. Idem alle ore 19, quando Cernusco (41,5) continua a guidare la classifica rispetto agli altri Comuni impegnanti nella tornata elettorale: Abbiategrasso (37,7), Cernusco (41,5), Garbagnate (34,3), San Donato (35,3) e Meda (31,5). Conferma di tendenza si è registrata anche alle 22, alla chiusura dei seggi - che, ricordiamo, riaprono oggi alle 7 - in quel di Cernusco (54,4), a Meda (41,7 ovvero quattordici punti in meno rispetto al primo turno), Abbiategrasso (48,5), San Donato (48,3) e Garbagnate (46,6).
I candidati sindaci della Casa delle libertà rilanciano l’invito agli elettori di recarsi ai seggi per «garantirsi con il voto il buon governo dell’amministrazione pubblica».