Segrate, altra bomba: mercoledì Linate a singhiozzo

Ce n’è un’altra. Così, dopo la bomba americana della Seconda Guerra mondiale ritrovata sette giorni fa e disinnescata domenica scorsa, ora ne è venuta alla luce un’altra. É made in Usa anche questa, stesso periodo e più o meno stesso peso, 500 libre. Sarà fatta brillare mercoledì prossimo e per tutta la zona intorno a Redecesio di Segrate, Aeroporto di Linate compreso, sarà una giornata di disagi annunciati.
Il Prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi ha disposto le operazioni di bonifica a cominciare dalle otto del mattino. L’ordigno bellico era stato ritrovato il 12 agosto a Redecesio di Segrate, vicino all’aeroporto di Linate. Risale al secondo conflitto mondiale e come sempre in questi casi conserva intatte tutta la sua potenza detonante. Così la zona sarà off limits per un raggio di circa 500 metri. Per ragione di sicurezza poco meno di 2300 persone, saranno evacuate ed ospitate presso l’oratorio della parrocchia Madonna del Rosario a Redecesio e , prima delle operazioni, il completo sgombero dell’area sarà monitorato anche attraverso l’intervento di un elicottero della Polizia di Stato.
Disagi per i residenti della zona ma anche per chi viaggia e per chi mercoledì dalla zona di Segrate si troverà a transistare. Il traffico ferroviario sulle linee di Treviglio-Pioltello e per le tratte di lunga percorrenza sulla linea Milano-Brescia-Venezia, verrà infatti interdetto dalle 8,00 alle 11,00, poichè la «danger zone» di 500 metri di raggio dal luogo di ritrovamento, comprende anche la linea ferroviaria. Il traffico automobilistico verrà invece bloccato nell’ambito della sola viabilità comunale. L’intervento rende necessario anche il divieto di sorvolo, quindi i voli in arrivo all’aeroporto di Milano Linate non potranno atterrare dalle 8.00 alle 11.00 e dalle 13.00 alle 17.00. Le operazioni si concluderanno presumibilmente intorno alle ore 17.00. Si procederà quindi a far rientrare i residenti nelle proprie abitazioni e a riattivare il traffico.
Il Prefetto ha anche disposto l’attivazione, nella giornata di mercoledì, di un «punto di controllo», una sorta di unità di crisi nei pressi del sito di rinvenimento in una zona di sicurezza, coordinato dal sindaco di Segrate e da un funzionario della Prefettura, dal quale partiranno le direttive per l’inizio e la conclusione di tutte le attività attinenti le operazioni.
Il disinnesco della bomba e il successivo brillamento saranno curati dagli artificieri del 10° Reggimento Genio Guastatori. Conferma il blocco dei voli anche la Sea: «Su richiesta della Prefettura di Milano e su disposizione di Enac- spiega in una nota- Enav ha emesso il notam di chiusura dell’aeroporto di Linate per i soli voli in arrivo in alcune fasce orarie di mercoledì». Lo scrive Sea con una nota. L’orario di stop per i soli voli in arrivo è stabilito dalle ore 8.00 alle 11.00 e dalle ore 13.01 alle 17.00 durante il quale saranno interdetti tutti gli arrivi all’aeroporto di Linate. Anche le partenze potrebbero di conseguenza subire ritardi o cancellazioni. Dalle 11.01 alle 13.00 l’attività sarà regolare. Si consiglia ai passeggeri di contattare la propria compagnia aerea.