Per seguire le bizze dei politici i cronisti s’appostano sul balcone

La sala stampa della Camera dei deputati, con ingresso da via della Missione, sta stretta ai giornalisti parlamentari che stazionano a Montecitorio. Là dentro non ci stanno più e alcuni di loro hanno pensato bene di allargarsi all’ esterno, in una sorta di sede distaccata a cielo aperto della sala stampa. Appoggiano i loro portatili sul muretto davanti all’ingresso e iniziano a mandare i loro pezzi o lanci di agenzia (come si può vedere nella foto). Il vantaggio di questo bizzarro spazio improvvisato, è che puoi scrivere un articolo seguendo gli spostamenti dei deputati in tempo reale, buttando un occhio alla porta per vedere chi entra, chi esce, chi rilascia dichiarazioni o chi non lo fa. Insomma, meglio che stare rinchiusi nella specie di sgabuzzino senza finestre che i giornalisti hanno a disposizione alla Camera dei deputati e anche a Palazzo Chigi, da dove non ci si accorge nemmeno di chi ti passa vicino. Per raccontare la politica in questi giorni intensi è molto meglio la sala stampa en plein air.