Sei colpi in poche ore, uno sventato da un agente libero dal servizio

Sono cinque gli episodi di rapina, in diverse zone di Genova, registrati mercoledì. In alcuni casi le vittime, alcune aggredite con calci e pugni, altre anche a colpi di bottiglia, hanno riportato ferite che i medici del pronto soccorso hanno giudicato guaribili anche in venti o addirittura trenta giorni. Un altro episodio è stato invece sventato da un poliziotto libero da servizio che dopo un inseguimento ed una colluttazione col malvivente nei vicoli del centro storico lo ha arrestato. Alle 19.20 vico dei Fregoso, nel centro storico, è stato teatro di una rapina ai danni di un genovese di 42 anni, aggredito alle spalle da un uomo, forse un nordafricano, che lo ha colpito più volte con una bottiglia di vetro provocandogli un trauma cranico ed alcune ferite alla mano sinistra. L’uomo, medicato al pronto soccorso dell'ospedale Galliera, è stato giudicato guaribile in 10 giorni. Di 20 giorni è invece la prognosi di un genovese di 24 anni, preso a calci e pugni da due uomini, probabilmente albanesi, che lo hanno lasciato a terra sanguinante mercoledì sera alle 21.30 al capolinea del 55 in piazzale Pestarino, dopo avergli rubato il marsupio con all’interno il portafogli con 20 euro, i documenti e due telefoni cellulari. Una lucciola marocchina è stata colpita al volto più volte riportando una frattura al naso e la rottura di un dente in una rapina che si è consumata in via de Marini, nei vicoli del centro. Alla donna, medicata al pronto soccorso del Galliera, sono stati rubati 400 euro. La prostituta, clandestina e già più volte colpita da decreto di espulsione del questore è ora a disposizione dell'ufficio stranieri della questura.
Alle 18.20, gli agenti delle volanti sono intervenuti in via Reggio, a Pegli, dove un uomo di 67 anni, originario di Milano è stato aggredito alle spalle da due persone di origine sudamericana, che dopo avergli strappato una tasca dei pantaloni gli hanno portato via il portafogli. In via Prè, nel cuore del centro storico, alle 15.45, un ladro ha tentato di rubare un telefono cellulare ed un orologio ad un manovale che stava lavorando all'interno di un locale. Notato da un agente di polizia libero da servizio il ladro è stato inseguito e malgrado abbia tentato di liberarsi dalla presa del poliziotto con due gomitate nello stomaco, è stato arrestato.
Ieri pomeriggio intanto un uomo armato di cutter e a volto scoperto è entrato nella filiale della Carige di Murcarolo di Nervi e si è fatto consegnare tutto quello che c’era in cassa.