Sei corde moltiplicate tre: la chitarra regina d’agosto

Alla Casa del jazz una rassegna a ingresso libero che esplora stili e generi diversi attraverso i trii più affermati

Francesca Scapinelli

Saranno due settimane a tutto jazz, al parco della Casa del Jazz di viale di Porta Ardeatina. Dopo il sax, protagonista indiscusso della scorsa estate, è la chitarra la reginetta della nuova rassegna gratuita targata Casa del Jazz. Si intitola infatti «Guitar Trio» la serie di concerti che ha preso il via lo scorso 10 agosto e che si concluderà sabato 26 agosto. Sul palco compositori affermati come Eddy Palermo, Nicola Puglielli, Michele Ariodante e Nicola Mingo, ognuno con il proprio trio.
Le formazioni si esibiscono a rotazione, in un programma che esplorerà stili e generi diversi, dal jazz tradizionale a quello contemporaneo, dallo swing ai ritmi latini e brasiliani. A inaugurare la rassegna, è stato il giovane chitarrista Nicola Mingo, accompagnato da Elio Tatti al contrabbasso e Lucio Turco alla batteria. Il loro concerto, all’insegna della contemporaneità, è stato anche un omaggio ad artisti del periodo pre e post hard bop quali Wes Montgomery e Joe Pass.
Ieri (ma tornerà il 17 e il 26 agosto) è stata la volta di Michele Ariodante, che punta invece sul jazz classico e sulle sonorità più levigate dello swing. Si può segnalare in particolare la data del 17 agosto, quando il chitarrista, che in campo extra jazzistico ha tra l’altro svolto attività concertistica con ensemble da camera, sarà affiancato da Luca Velotti (sax e clarinetto), abituale partner di mostri sacri come Paolo Conte e Nicola Piovani.
Questa sera, il 19 e il 24 agosto saranno di scena il talento e le corde acustiche del romano Nicola Puglielli (con Ron Seguin al contrabbasso e Marco Valeri alla batteria), capace di far scaturire da suggestioni e tecniche diverse un jazz del tutto inedito e moderno, denso di citazioni da standard-jazz come pure da canzoni italiane. Tra le sue composizioni più apprezzate, sono da ricordare «Aspettando Caterina» e «Non scordar la memoria».
Il 18 e il 25 agosto, infine, l’appuntamento è con il trio di Eddy Palermo, stimato come uno dei più importanti riferimenti per la chitarra jazz sia nel nostro Paese che all’estero. Assieme a Marco Loddo e Alessandro Marzi, il musicista romano porterà alla Casa del Jazz le atmosfere della musica brasiliana, di cui è profondo conoscitore (ha al suo attivo collaborazioni con Sizâo Machado e molti altri): una passione che torna anche nel suo ultimo album, «Meu Brasil Brasileiro».
Rassegna «Guitar Trio», Casa del Jazz, viale di Porta Ardeatina 55, ingresso libero. Inizio concerti ore 21. Informazioni: 06.704731.