È di sei euro il prezzo fissato per l’offerta

È stato fissato in 6 euro il prezzo di offerta delle azioni ordinarie di Saras, la società petrolifera guidata dalla famiglia Moratti che sottolinea con una nota «la quantità e qualità della domanda ricevuta dagli investitori nell'ambito del collocamento istituzionale e della domanda pervenuta nell'ambito dell'Offerta Pubblica». Le domande pervenute sono state 4 volte superiori all’offerta, con richieste da parte di circa 300mila investitori. Gian Marco Moratti, presidente di Saras, ha affermato di essere «pienamente soddisfatto di questi primi risultati dell'Offerta, che confermano come il mercato abbia saputo apprezzare il valore della nostra storia e del nostro progetto industriale.Il prezzo è il medesimo per l'offerta pubblica di vendita e sottoscrizione in Italia, per il collocamento istituzionale rivolto agli investitori professionali italiani e istituzionali esteri e per il collocamento privato negli Stati Uniti presso qualificati investitori istituzionali. Il prezzo delle azioni invece offerte nell'ambito della tranche riservata ai dipendenti è di 5,4 euro (uno sconto del 10%), mentre il controvalore del lotto minimo è stato fissato in 600 azioni (6mila il lotto maggiorato). Il numero delle azioni oggetto dell'offerta globale è pari a 345.000.000, mentre il ricavato derivante dall'aumento di capitale legato all'offerta ammonterà a 360.000.000 di euro.