Sei lustri di canzoni intelligenti e ironiche

Festeggiano sei lustri i «nipotini» del Quartetto Cetra: sono i Pandemonium che, per l’occasione, salgono sul palcoscenico del teatro Sette, diretti da Pippo Franco, con «Trent’anni di clamorosi successi». Undici artisti tra cantanti, attori e ballerini propongono uno spettacolo - autori ne sono Gian Michele Meloni, Gianni Mauro e Mariano Perrella - che ripercorre la carriera del gruppo in chiave ironica, attraverso gag, momenti di grande ilarità e, perché no, spunti di riflessione sulle difficoltà che il mondo dello show business non manca mai di riservare. «Niente di commemorativo - spiega il regista -. Piuttosto, una sorta di resoconto di ciò che era ieri e dell’oggi, il pretesto ironico per gettare uno sguardo sul degrado culturale che ha contraddistinto questi anni e su come è cambiata la civiltà». Il comico non ha dubbi nel parlare di «un’involuzione» seguìta ai «fulgori degli anni Settanta - Ottanta» e non sembra intravedere le possibilità di un miglioramento. «Attraverso l’ironia e le canzoni cerchiamo di raccontare come oggi l’apparenza sia ben più importante dei contenuti e quanto poco spazio ci sia, per gli artisti che abbiano qualcosa da comunicare, in una civiltà che è andata chiudendosi in una forma di sottosviluppo: per avere successo, di questi tempi un artista deve fare scempio di sé». Ecco allora risultare preferibili gli impresari grossolani e ignoranti (ma pur sempre intraprendenti), come quello che convince i protagonisti dello spettacolo a iscriversi a una scuola televisiva di teatro, metodo secondo lui utile a «sfondare», e che dà così il pretesto ai Pandemonium di proporci una carrellata di celebri canzoni italiane e di rievocare il proprio percorso musicale. Con i Pandemonium (ovvero Gianna Carlotta, Gianni Mauro, Annarita Pirastu, Mariano Perrella e Patrizia Tapparelli), si esibiscono Francesco Biolchini, Mario Scaffidi Abbate, le ballerine Giulia Antonini, Federica Fabbri e Loredana Luccini e il ballerino-acrobata Daniele Scorpati. Il gruppo nasce nel 1976 nel laboratorio teatral-musicale «Il cenacolo» della casa discografica Rca, sotto la direzione artistica di Piero Pintucci. Tra le numerose collaborazioni, spiccano quelle con Gigi Proietti, Renato Rascel, Gino Bramieri, Gabriella Ferri, Rino Gaetano, Oreste Lionello e Pippo Franco.
Teatro Sette, via Benevento 23, fino al 18 febbraio. Spettacolo ore 21, biglietto 13-18 euro. Informazioni: 06.44236382.