Sei mesi di violenze e palpeggiamenti sul tram

Arrestato un uomo di 43 anni che molestava tutti i giorni una giovane

L’ha molestata, palpeggiata e infastidita per sei lunghi mesi. Era arrivato persino a mostrarle le parti intime e alla fine la ragazza di 22 anni che ogni giorno prendeva il tram della linea 3 e 19 per recarsi al lavoro, si è rivolta alla polizia. Ha denunciato tutto al commissariato Castro Pretorio. Dopo giorni di appostamenti, sul tram frequentato dalla giovane, martedì mattina, gli uomini della polizia, al comando di Vincenzo Spinosi, hanno arrestato il maniaco; un uomo di 43 anni, pregiudicato, divorziato e senza figli. Dopo l’ennesima violenza, avvenuta il 15 marzo scorso, la ragazza, esasperata, ha rilasciato una minuziosa descrizione dello sconosciuto che ha permesso agli agenti di individuarlo. Quando si è trovato di fronte i poliziotti, il losco figuro ha tentato la fuga ma senza successo, ed è stato bloccato nei pressi di un liceo della capitale. Erano mesi che la tormentava e che si presentava «all’appuntamento» sul tram addirittura senza l’abbigliamento intimo. Quando la ragazza provava ad urlare lamentando le molestie, il balordo, per discolparsi le urlava che era pazza, che si era inventata ogni cosa. Dalla disperazione la ragazza aveva anche pensato di licenziarsi e cambiare lavoro pur di non salire più su quel tram. Era diventato un vero e proprio incubo e non riusciva a liberarsene. Spesso scendeva in lacrime dalla carrozza e correva via senza che nessuno le desse una mano. Oggi il maniaco dovrà rispondere di violenza sessuale.