In Sempione arriva la Posteria, a metà strada tra un ristorante e una salumeria

Si chiama Posteria di nonna papera, "un nome, una storia -spiega Lamberto, il padrone di casa-, a Milano non ve ne sono più. Nulla è lasciato al caso, d'altronde stiamo parlando di un sogno realizzato e si sa i sogni non hanno prezzo

Si chiama Posteria di nonna papera, "un nome, una storia -spiega Lamberto, il padrone di casa-, a Milano non ve ne sono più ma le posterie una volta erano dei punti di ritrovo in cui si poteva mangiare ottimi affettati e bere buon vino ma allo stesso tempo fare la spesa come dal salumiere in un ambiente familiare". La zona è quella giusta, via Piermarini al 4 angolo corso Sempione. Il quartiere dove Lamberto vive da quando è bambino (ha anche un'agenzia immobiliare www.canova2000.it), la zona che ha visto cambiare e che oggi vede sfilare buona parte della Movida milanese. Poco fumo e tanto arrosto, questa è la Posteria. Tre vetrine luminose affacciate sulla via, qualche tavolino per sedersi fuori e un caminetto che riscalda l'atmosfera dentro. Un arredamento moderno con materiali naturali. Nulla è lasciato al caso, d'altronde stiamo parlando di un sogno realizzato e si sa i sogni non hanno prezzo. Veniamo al sodo: cucina regionale italiana, in prevalenza milanese. "Noi prepariamo piatti che di solito a casa non si cucinano più -spiega Lamberto- il coniglio alla ligure con olive taggiasche e carciofi (16 euro). Quello che le donne di casa non vogliono mai pulire e che agli uomini piace tanto -dice sorridendo Frugoni-. Il risotto alla milanese con ossobuco (un ricco pèiatto unico da 26 euro) e la tradizionale Cassoeula con dentro il mondo del maiale (22 euro) ". Insomma piatti che non sembrano leggerissimi ma che dopo averli mangiati possiamo rassicurare si dormono sonni tranquilli. Assolutamente da provare la Tartar dello chef piemontese, paolo (16 euro) e la Friccando (6 euro), ovvero verdure miste tagliate a julienne al forno e a vapore condite con un filo d'olio toscano, rosmarino e profumo di aglio. La Posteria ha anche una serie di appuntamenti fissi. Il risotto mantecato in forma di grana -13 euro- (di quelle grandi da salumiere) il giovedì a pranzo o a richiesta se si è almeno in otto amici, bolliti misti -24 euro- il mercoledì sera e tanto altro tra cui i taglieri di selezionati salumi nostrani - da 12 euro - oppure degustazioni di formaggi francesi e italiani -da 14 euro- sotto presidio Slow food abbinati a composte stupendo miele al tartufo. che si possono degustare a qualsiasi ora, fino oltre mezzanotte abbinati a nobili e ricercati vini tutti testati e scelti dal padrone di casa. Vale la pena una visita anche solo per vedere il grande banco dei salumi che sorprende per dimensioni e ricercati contenuti. Un bancone "rubato" ad una gastronomia e imprestato alla Posteria di Nonna Papera. Quasi sempre aperto tranne il sabato a mezzogiorno e tutta la domenica. In primavera quando la movida scorre in corso Sempione come sulle ramblas di Barcellona Lamberto terrà aperto sette giorni su sette sino a tarda notte, le pennette all'ammatriciana -11 euro- si fanno sino all'una e sono davvero buone. Telefono 02-33105757 www.laposteriadinonnapapera.it