Sempre più euroscettici Solo il 37% è pro Bruxelles

Italiani sempre più tiepidi verso Bruxelles. Il numero di persone che considera un vantaggio far parte dell’Ue ha toccato il minimo storico, passando dal 51% del 2000 al 37%. La realtà nazionale è in controtendenza rispetto al resto degli europei, visto che nello stesso periodo gli euroentusiasti sono passati dal 47% al 54%. Il dato evidenzia come l’Italia non sia riuscita ad approfittare appieno dell’unificazione; infatti nonostante l’alto numero di funzionari italiani nelle sedi Ue (2.578, pari al 10,5% del totale), solo 152 di questi occupano posizioni di comando.