«È sempre stato molto vicino ai miei ragazzi»

«È stato sempre molto vicino ai miei ragazzi. Era sempre disponibile e cortese, tutte le volte che lo invitavo. Eravamo molto amici». Così don Antonio Mazzi, fondatore della comunità Exodus nonché tifoso nerazzurro, ricorda il presidente dell’Inter, Giacinto Facchetti, scomparso ieri. «Facchetti in questi anni - dice don Mazzi - ha dovuto svolgere un ruolo molto delicato, nei rapporti fra Moratti e i giocatori. E l’ha svolto in modo molto attento». Di Facchetti, «mi viene in mente quando, spesse volte - ricorda ancora don Mazzi - mi chiamava e mi diceva: “Vieni alla Pinetina a trovarci, a dare una benedizione ai miei giocatori, perché ne hanno bisogno”. Purtroppo questa morte, violenta, e questo dolore - conclude il fondatore di Exodus - ci lasciano tutti sconcertati».