«Il Senato è rock La Camera lenta»

«Il risultato delle elezioni conferma quanto avevo previsto, cioè che ci saremmo trovati di fronte ad un Senato rock e a una Camera lenta». È tornato ad evocare il Celentano di Rockpolitik il governatore lombardo Roberto Formigoni nel commento alla stampa dei risultati elettorali.
Secondo Roberto Formigoni, al Senato «ci sarà una differenza di uno o due seggi: più rock di così, cari ragazzi! Si ballerà su una mattonella costantemente!» E ha aggiunto: «Le senatrici sono avvisate: portino tacchi a spillo e gonne corte. E i giornalisti dovranno organizzare una piccola transumanza fra il Transatlantico di Montecitorio al grande yacht di Palazzo Madama».
Formigoni, che si è presentato in Sala Gonfalone con in giacca scura e pantaloni di velluto color aragosta, ha ironizzato sulla scelta del suo abbigliamento: «Mi hanno detto perché mi sono vestito così oggi: io ho risposto: presidente colorato, presidente fortunato».
«D'altra parte - ha proseguito - è arrivato il momento di portare una nota giovane, una nota allegra e colorata al Senato della Repubblica, e anche in Regione Lombardia: la porteremo in entrambi i palazzi».