In via Senato storie di Gulag e di speranza

Tornano in scena i libri al lla Biblioteca di via Sentao: stasera alle 21, al Tetro di Verdura, protagonista sarà Aria Rubata, la poesia e la libertà, con letture di Andrea Soffiantini, commenti di Davide Rondoni e l’arpa celtica di Andreina Sirena per accompagnamento. La storia si svolge in un gulag, nel dicembre del 1938: Osip Emil’evic Mandel’stam sta per morire. Prigioniera con lui è la moglie Nadezda che ne impara a memoria versi e scritti per tramandare, pur clandestinamente e postumo, il pensiero del marito, intellettuale anticonformista, forte oppositore del regime di Stalin.
Rondoni oltre ai passi del libro, leggerà anche alcune poesie dalla sua ultima fatica letteraria «Apocalisse amore» (Mondadori).
Sempre per Libri in scena, l’appuntamento si rinnova mercoledì con La leggenda di Redenta Tiria: a Corrado D’Elia, in anteprima assoluta, e alla regia dei teatri Possibili, è affidato il ruolo di leggere brani del libro di Salvatore Niffoi, che sarà presente in sala. La vicenda si svolge ad Abacrasta, cittadina immaginaria intrisa di «sardità» dove gli abitanti non arrivano alla vecchiaia: gli uomini si impiccano con la cinghia, alle donne accade lo stesso anche se per farla finita prediligono la fune.
La morte è una Voce. E quando chiama, le si risponde subito. L’arrivo, però, di Redenta Tiria, scompagina le pagine di questo libro dal finale che sembra giù scritto. Lei porterà luce in questo paese di tenebre: un paradosso toccante per una giovane misteriosa e cieca che ha però il dono di vedere con gli occhi dell’anima. Ingresso gratuito ma prenotazione obbligatoria telefonando da questa mattina 9- 13 e 14 -16, allo 02 760 207 94, oppure 02 763 18893. \