Sentenza rinviata Contro l’Udinese ci sarà anche Flachi

Maggio suona la carica alla Samp: «Dall’Empoli qualcosa è cambiato» Parola sarà operato oggi

Federico Casabella

Mercoledì sera contro l'Udinese ci sarà anche Francesco Flachi. Non è arrivata l'attesa sentenza sulla vicenda di calcio scommesse che vede coinvolto l'attaccante blucerchiato accusato di violazione dell'articolo 1 per via di una telefonata tra Flachi e l'attuale compagno Fabio Bazzani in riferimento alla partita Lazio- Roma del 6 gennaio 2005, epoca nella quale Bazzani militava con la maglia biancoceleste.
La procura federale, giovedì scorso, durante il primo dibattimento aveva chiesto 4 mesi di squalifica per il numero 10 blucerchiato.
In casa Sampdoria c'è comunque ottimismo sull'esito della vicenda e anche la decisione della Commissione disciplinare di far slittare di qualche giorno la sentenza, potrebbe pendere a favore della Samp e del suo giocatore che potrebbe cavarsela con una ammenda.
C'è così la possibilità di pensare alla gara con l'Udinese con una certa tranquillità.
Domani sera, ore 20.30 al "Ferraris", primo turno infrasettimanale del campionato e possibilità per i blucerchiati, sull'onda dell'entusiasmo che ha portato il pareggio di Milano, di portare a casa la prima vittoria stagionale.
Tra i protagonisti della trasferta di San Siro anche Christian Maggio, terzino di fascia che Novellino ha gettato nella mischia e che sabato sera ha ben figurato contro dei mostri sacri del calcio internazionale: «Dalla sconfitta con l'Empoli qualcosa è cambiato- ha detto Maggio-. La settimana scorsa non è stata facile ma l'ambiente che si era creato ci ha aiutato a concentarci. La grande prestazione di sabato sera ha portato grande entusiasmo nell'ambiente».
Maggio è critico verso la stampa nazionale che ha snobbato la prestazione della Sampdoria e ha preferito calcare la mano sulla crisi di gioco dell'Inter: «Dà fastidio sentire parlare solo di mancanza di gioco della squadra di Mancini- si lamenta-. È incredibile quanto si sia parlato dei demeriti dell'Inter e poco dei meriti che ha avuto la Sampdoria. La nostra prestazione non sarà stata da 10, ma il 9 ce lo meritavamo tutto».
E la gara tra Samp e Inter ha lasciato anche qualche strascico negativo. Per Andrea Parola è stata una serata storta: dopo uno scontro di gioco con Stankovic, il centrocampista è dovuto uscire per una frattura del seno mascellare. Parola, che nelle scorse settimane si era infortunato alla spalla e non aveva potuto disputare le prime gare di coppa Italia, verrà operato oggi pomeriggio alla clinica Montallegro di Genova. Domani sera non sarà della partita, rientreanno invece Falcone e Delvecchio dopo il turno di squalifica.
C'è da vincere la sindrome del "Ferraris", la serata sembra quella buona e Christian Maggio chiama a raccolta i tifosi: «Meglio mettere da parte il passato e andare avanti tutti insieme - spiega-, a Milano i nostri tifosi non hanno mai fatto mancare il loro appoggio e sentire un calore così forte per un giocatore è il massimo: affronteremo l'Udinese con un'altra determinazione».
Anche ad Udine, dopo la vittoria di domenica sul Torino, l'ambiente appare su di giri e, se Novellino potrà contare su Flachi e Bonazzoli, Galeone punterà sul campione del mondo Iaquinta: «Vincenzo contro il Torino ha fatto già tutti i movimenti che gli ho chiesto. Ancora una settimana di lavoro e sarà al top, mercoledì sarà in campo dall'inizio». Il tecnico dei friulani ha annunciato che farà rifiatare Natali e Obodo e schiererà dall'inizio Dossena.
Ieri pomeriggio Sampdoria a lezione con Mauro Bergonzi, arbitro genovese, nelle vesti di docente. Bergonzi ha aggiornato giocatori e tecnico sulle novità regolamentari ed interpreative già in atto nel nuovo campionato. E, sempre in tema di arbitri, per la gara di domani sera, è stato chiamato a dirigere Paolo Bertini di Arezzo.