Senza patente, mai un incidente in 40 anni

(...) Incidenti, seppur lievi, neanche a parlarne. Un modello da imitare. Non ha la patente: pazienza. Per il 62enne, un dettaglio del tutto trascurabile. Del resto se l’è sempre cavata senza mai dover studiare la teoria e far l’esame di pratica. Poi gli impicci del rinnovo, il controllo della vista. Dai che barba. Basta saper andare in macchina e via.
E sì che dal 1970 a oggi ha cambiato otto auto. Tutte utilitarie ben s’intende. Al posto di blocco infatti era sull’ultima acquistata, una vetusta Seat Ibiza. Niente bolidi dalle accelerazioni da brivido. Niente. Si è sempre accontentato di viaggiare come quelli che le assicurazioni, dopo 25 anni senza un «sinistro» premiano col volante d’oro. Così sarebbe andato «in pensione» come automobilista senza che nessuno si accorgesse della sua mancanza se proprio l’altro giorno in via Per Burago, quei curiosi della polizia locale hanno avessero allungato la paletta. «Patente?». Un oggetto misterioso!
Che comunque sapesse di non essere in regola, dubbi non ce ne sono. Come racconta il vice comandante dei vigili urbani: «Quando gli agenti gli hanno domandato di esibire la patente prima ha riferito d’averla dimenticata a casa. Quindi che gli era stata rilasciata quando era un giovane ventenne e d’averla persa. Non è stato convincente ed abbiamo deciso di fare un controllo. Così abbiamo verificato bene e siamo arrivati alla conclusione che nessun ufficio della motorizzazione gli ha mai rilasciato la patente».
Morale della favola, il «furbetto» è stato denunciato. Non bastasse gli hanno sequestrato anche la sua bella Seat non propriamente nuova di zecca, in vista di una quasi sicura confisca. Il nostro eroe, oltre alla patente, si era anche «dimenticato» di portarla alla revisione.