Sequestrata e stuprata dal branco su un'auto davanti al fidanzato

Milano, i due erano in un parcheggio, sono stati bloccati da un uomo che li ha minacciati con una pistola. In quattro, tutti stranieri, li hanno portati in una cascina isolata e hanno violentato la donna

Milano - Una coppia di 31enni è stata sequestrati da quattro stranieri che poi, in gruppo, hanno violentato la donna. È accaduto la scorsa notte nel Milanese, tra i comuni di Segrate e Pioltello. La donna e l’uomo, che erano in un parcheggio a chiacchierare, intorno alle 23, sono stati costretti a salire sull’auto degli aggressori sotto la minaccia delle armi e portati in una zona di campagna a Pioltello. Dopo aver immobilizzato l’uomo, i quattro hanno a turno stuprato la donna. La 31enne è stata medicata alla clinica Mangiagalli di Milano, dove i medici hanno confermato la violenza sessuale. Le indagini vengono effettate dai carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese. Al momento, però, non sarebbe nemmeno certo se i violentatori siano nordafricani o dell’est europeo.

La dinamica L’uomo e la donna, lui disoccupato di Pioltello, lei cameriera a Segrate, sono stati avvicinati mentre si trovavano dentro una Daewoo Matiz, in un parcheggio, a chiacchierare. La 31enne, infatti, abita poco distante, e stava attendendo di rincasare. Improvvisamente, fuori dalla macchina, sul lato del guidatore, è comparso un giovane, armato di pistola, che ha costretto entrambi a scendere e a seguirlo su un’altra auto, dove attendevano altri tre uomini. Una volta sulla vettura i sequestratori, tutti stranieri e armati di pistole e taglierini, hanno portato la coppia fino ad una cascina che si trova in una frazione di Pioltello. Lì, approfittando della zona isolata, hanno costretto l’uomo a stare accovacciato sotto il sedile, minacciandolo a turno con una pistola, mentre gli altri, fuori dalla macchina, violentavano ripetutamente la donna.