Sequestrati 4mila orologi falsi: tre in manette

Denunciati gli altri 4 complici. I ghisa: «La merce valeva 400mila euro»

«È quanto mai importante dare un segnale forte di contrasto e repressione di questi traffici illegali attraverso controlli e sequestri continui».
Così il vice sindaco e assessore alla Sicurezza, Riccardo De Corato, ha commentato ieri la massiccia operazione condotta dalla polizia municipale sul fronte delle merci contraffatte che ha portato al recupero di 4mila orologi falsi dei più importanti marchi per un valore complessivo di 400mila euro, all'arresto di tre cinesi e alla denuncia di altre quattro persone.
«Controlli e sequestri continui - secondo De Corato - sono importanti, affinché si possa tutelare il rispetto della legalità nella nostra città».
L'operazione - effettuata dagli ufficiali ed agenti della zona Duomo, nel particolare dagli uomini e dalle donne facenti capo all’ufficio servizi mirati, su coordinamento dei commissari Enrico Rosio e Luciano Monfredini - è il frutto di indagini accurate, scaturite da precedenti operazioni e di appostamenti e pedinamenti in zona Sarpi.
È stato anche grazie alla collaborazione dei cittadini della zona che i vigili urbani hanno potuto individuare un deposito abitato da cinesi nella zona dell'ospedale Niguarda e, dopo aver accertato l'arrivo di un grosso quantitativo di merce dalla Toscana, hanno effettuato un primo sequestro di merce su un'autovettura utilizzata per la vendita al dettaglio, a bordo della quale si trovavano i tre cinesi arrestati.
Successivamente è stata perquisita un'abitazione nella zona di piazza Nizza ed è lì che c’è stato il recupero dei 4mila orologi oltre che dei documenti risultati rubati, quindi la denuncia di quattro persone sorprese all'interno dell'appartamento. Solo tre giorni fa, erano stati sempre i vigili, ma stavolta quelli della sezione Annonaria che, in zona Sarpi, avevano condotto un'analoga operazione recuperando 3mila borse contraffatte.
«Tutte queste operazioni - spiega il comandante dei vigili, Emiliano Bezzon - testimoniano la costante attenzione degli agenti della polizia municipale nei riguardi di un problema diffuso e preoccupante come quello del commercio di merci contraffatte, di cui spesso sono protagonisti cittadini extracomunitari».