Sequestrati e rapinati in villa a Marina Velka

Rapina con sequestro di persona a Marina Velka, località turistica vicino Tarquinia. Intorno alle due e trenta dell’altra notte, tre banditi con il volto coperto e armati di pistola che parlavano con un marcato accento straniero hanno fatto irruzione forzando una portafinestra nella villa di un medico, Pierangelo Guzzetti, sorprendendo lui e sua moglie Maria Vittoria a letto e costringendoli ad aprire la cassaforte che custodiva gioielli e contanti per 250-300mila euro. Messe le mani su soldi e preziosi, i rapinatori hanno legato e imbavagliato la coppia con del nastro adesivo per poi allontanarsi. Guzzetti, ortopedico all’ospedale di Tarquinia, è riuscito a liberarsi dopo circa un’ora, avvisando il figlio che a sua volta ha telefonato al 112. Sull’episodio sono ora al lavoro i carabinieri della compagnia di Tuscania, che hanno interrogato a lungo il professionista e sua moglie per ricostruire la notte di paura, e che hanno dubbi sulla provenienza dei banditi. «L’accento straniero dei rapinatori - ha spiegato il luogotenente Bernardino Tabacchi, comandante della compagnia dell’Arma - era troppo ostentato per essere vero. Abbiamo fondati motivi per ritenere che i banditi non siano stranieri, ma italiani». Secondo indiscrezioni, le indagini avrebbero comunque già individuato una possibile pista da seguire per risalire ai rapinatori.