Sequestrati sei villini affittati a sette albanesi clandestini

Albanese arrestato e sei connazionali pronti per essere espulsi. È il bilancio di un controllo disposto dalla compagnia dei carabinieri di Frascati nelle periferie romane di Tor Bella Monaca e Tor Vergata. I militari hanno effettuato sopralluoghi in casolari abbandonati, ex fabbriche dismesse e abitazioni dove era stato notato un continuo via vai di stranieri. E all’interno di un’area composta da villini a Tor Bella Monaca sono stati sorpresi sette albanesi clandestini. Questi sono stati subito condotti al comando del gruppo di Frascati per il fotosegnalamento. Il riscontro ottenuto dalle impronte digitali è risultato fatale per uno di loro, arrestato perché risultato inottemperante al decreto di espulsione emesso a suo carico un anno fa. Per gli altri sei sono state avviate le procedure per l’espulsione dal territorio nazionale. Le indagini dei carabinieri, inoltre, hanno permesso di accertare che gli stranieri pagavano un affitto pari a 300 euro a persona. Si è così deciso di applicare le nuove norme previste dal pacchetto sicurezza in materia di immigrazione clandestina e che ha introdotto il reato di «locazione di immobili a titolo oneroso a soggetti clandestini». I militari hanno quindi sequestrato tutto il terreno destinato ad ospitare gli stranieri compresi i sei villini concessi in locazione agli albanesi clandestini. Denunciato un romano di 72 anni per aver ceduto a titolo oneroso un immobile a cittadini stranieri irregolari.