Sequestro Vergani, Giromini confessa: due arresti. Trovata la prigione di Barbara

L'ex socio del padre di Barbara avrebbe fatto i nomi dei complici. In manette Alessandra Cerri, 60 anni, e Giuseppe Lettini, 42 anni, di Borgomanero: sarebbero i carcerieri. La giovane era stata rinchiusa in una casa di Ghemme

Novara - Svolta nelle indagini per il sequestro di Barbara Vergani, la ventiquattrenne di Miasino rapita sabato scorso a Borgomanero. Virgilio Geromini ha confessato e stasera sono stati arrestati una donna e un uomo. A finire in manette, in un'operazione congiunta di polizia e carabinieri, Alessandra Cerri, 60 anni che, a quanto si apprende, sarebbe un'amica di Stella Vetrano, la convivente di Giromini. Oltre alla donna, che sarebbe la proprietaria dell'appartamento in in cui era stata tenuta Barbara, è finito in manette anche Giuseppe Lettini, 42 anni, di Borgomanero ma originario di Trani. E nell'ambito dell'inchiesta, dopo numerose perquisizioni è stato arresto anche un uomo. E' stata trovata anche la "prigione" dove era stata tenuta la figlia dell'imprenditore edile. Dopo il sopralluogo di ieri in quello che era ritenuto il covo dei sequestratori ma che non è invece stato riconosciuto dalla ragazza, gli inquirenti sono riusciti a trovare a Ghemme il "covo" in cui è stata segregata: l'appartamento è in via Volonteri. Confessione da un lato e il lungo interrogatorio a cui è stata sottoposta la giovane questa notte, hanno consentito agli inquirenti di chiudere il cerchio. Oggi pomeriggio è stata chiesta formalmente dai magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Torino, la convalida del fermo, con l'applicazione della custodia cautelare in carcere di Virgilio Giromini.