Una serata d’onore, fra medaglie e successi

È stata, come sempre, una bellissima ed anche commovente festa quella che, al Teatro della Gioventù, ha visto riuniti tanti geometri con le loro famiglie, per festeggiare (in una «serata davvero d’onore») i geometri anziani. Medaglie d’oro a chi aveva 40 anni di diploma e almeno 20 di iscrizione all’Albo professionale e d’oro ai cinquantenni dal diploma e 30 anni di iscrizione.
A far da padrone di casa il presidente del Collegio Luciano Piccinelli, che ha voluto sottolineare il significato di questa manifestazione: «Essere insieme, dopo tanti anni di professione, significa voler bene al Collegio e averne vissuto anni indimenticabili». Piccinelli ha unito qualche riflessione di taglio professionale agli auguri di buone feste a tutti i premiati.
Ma la nota molto positiva e significativa al massimo è stata la presenza di due assessori del nostro Comune che hanno voluto essere presenti come testimonianza di una collaborazione che da tempo il Collegio porta avanti con palazzo Tursi. Erano, infatti, in prima fila Mario Margini, assessore ai lavori pubblici e Gianni Vassallo assessore alle attività produttive e all’edilizia. Entrambi hanno confermato il desiderio di avere una sempre maggiore e fattiva collaborazione con il Collegio geometri, visto che tante attività possono trovare spazio in questo intreccio di compiti. In particolare Mario Margini ha evidenziato un episodio che gli è capitato in Comune durante una selezione di personale: «Mi sono trovato di fronte - ha detto - a due donne geometri che hanno superato brillantemente la prova e saranno al più presto inserite nei vari posti di lavoro. Onestamente non pensavo a queste possibilità e mi dicevo che ormai i tempi sono cambiati e il mondo dei geometri, maschile ma anche femminile, è una forte realtà. Cambiano i tempi e penso che anche l’amministrazione comunale debba adeguarsi. Il contributo, nel caso, dei geometri appare sempre più necessario».
Dal canto suo Gianni Vassallo ha ricordato le diverse occasioni nelle quali i rapporti fra il suo assessorato e il Collegio dei geometri è stato molto apprezzato: «In particolare - ha ricordato - nei terribili giorni dell’alluvione nel ponente non posso dimenticare la proposta immediata e concreta del Collegio di offrire la propria consulenza per tutti coloro che avevano bisogno di sapere come comportarsi per avere sostegno e risarcimenti. Anche per questo sono molto lieto questa sera di essere con i geometri: mi auguro che questa collaborazione prosegua sempre fattivamente».
È stato il primo anno che due assessori sono stati ospiti di questa bella serata: segno che collaborazione e iniziative da una parte e dall’altra potranno diventare occasione di positive soluzioni. La festa si è sviluppata fino alla mezzanotte: 24 presenti con medaglie d’argento e quindici con quelle d’oro. Una «band» musicale ha allietato la serata e ad alcuni geometri di età... avanzata (leggi Andrea Merello e Capitta Antonio) è stata anche dedicata una bellissima «performance» musicale da parte della violinista giapponese Majumi Suzuki.
La consegna delle medaglie è stata affidata, ovviamente ai due assessori e al presidente Piccinelli, ma anche al dottor Carlo Javicoli, consigliere dell’ordine degli Avvocati, dall’Ingegner Michelini dell’Ordine degli Ingegneri e dal consigliere del Collegio di La Spezia Massimo Curi. Ha tenuto le fila dell’organizzazione (non facile, ma con pieno successo) Luigi Lanero. Insomma, ancora una volta l’universo dei geometri si è ritrovato con tante pacche sulle spalle, tanti ricordi e anche con un po’ di nostalgia.