Serate ai musei fra arte e scienza

Eventi e concerti fino al 26 luglio; al Planetario incontro fra il musicista Coscia e l’astrofisico Peri

Roberto Zadik

Da domani spettacoli e cultura andranno di pari passo con l’iniziativa «Serate al Museo», che trasformerà i musei in veri e propri luoghi d’intrattenimento.
Quanto esposto nei saloni farà da cornice a una rassegna che darà il via a un periodo ricco di appuntamenti. Secondo quanto prevede il progetto, organizzato dall’assessorato alla Cultura, ogni martedì sera, fino al 26 luglio, concerti, conferenze e eventi coinvolgeranno i milanesi che potranno scegliere tra una serie di proposte che spazieranno tra le discipline più disparate. Tutto partirà alle 20.30 di domani al Planetario Civico «Ulrico Hoepli» di Corso Venezia 57 con una serata a inviti (si possono ritirare oggi, dalle 9 alle 18, e domani mattina fino alle 13 all’«Urban Center» in Galleria Vittorio Emanuele). Nel corso dell’evento, intitolato «Fisarmonie celesti», il musicista e avvocato Gianni Coscia e l’astrofisico Fabio Peri incanteranno il pubblico con un insolito mix di arte e scienza. Due mondi agli antipodi si fonderanno all’unisono. A iniziare il tutto sarà Coscia che si esibirà a suon di fisarmonica eseguendo i brani del suo repertorio jazz suonato sui palchi italiani ed esteri durante le tournée in numerosi Paesi tra cui Uruguay, Siria e Portogallo.
E dopo questo versatile performer toccherà allo scienziato Peri. La seconda parte dell’incontro avrà come protagonista il direttore del Planetario che parlerà del cosmo e dei suoi misteri raccontando la storia e l’origine di stelle, pianeti e costellazioni lontani anni luce da noi. Un’occasione che permetterà ai milanesi di avvicinarsi all’affascinante mondo dell’astronomia inserita in un inedito abbinamento con la musica.
Le due performance verranno ripetute nella replica che avverrà dalle 22 in poi. Tra una settimana sarà il turno della musica che tornerà alla ribalta con un’altra serata a inviti, prenotabili sempre all’«Urban Center» con il duo «Todo o amor», dal sound a metà tra jazz e ritmi latino-americani. A partire dalle 21 di martedì 5 luglio il Museo di Storia Contemporanea di via Sant’Andrea 6, zona San Babila, ospiterà un concerto di musica brasiliana che impegnerà la cantante chitarrista Barbara Casini e l’armonicista Max De Aloe, famoso per aver collaborato con artisti come Franco Cerri. Uno spettacolo all’insegna della bossa nova per un repertorio che comprenderà brani di Carlos Lyra e del poliedrico Caetano Veloso.