Serena: "In Europa è possibile una finale italiana"

A L’unico punto debole dell’Inter potrebbe essere psicologico: la sensazione di sentirsi più forti di tutti è l’unico pericolo. Ma se Mancini - come ha dimostrato di saper fare - terrà alta la concentrazione, i nerazzurri non avranno problemi. Se poi dovessero allungare in questo mese che li separa dalla ripresa della Champions, allora sarebbe già scudetto.

B La Roma è migliore tecnicamente, ha un Totti in più e un gioco collaudato. Però l’impegno della Champions è gravoso. La Juventus invece ha saputo incanalare bene la rabbia di tutto un ambiente. Poi, il lavoro tattico di Ranieri ha dato i suoi frutti. I bianconeri mi sembrano gli avversari più accreditati.

C Il Ronaldo di oggi sembra ben disposto come quello che lo scorso anno regalò un ottimo rush finale ai rossoneri. Con più alternative in attacco, ci sono le premesse perché il Milan ripeta una grande primavera e centri il 4° posto.

D Sono state ottime scelte di mercato, rispondono perfettamente alle esigenze dei club che li hanno individuati. Tra i tre, però, Pato è il più indispensabile: il Milan in attacco ha assoluto bisogno di lui.

E Il mio sogno è una nuova finale italiana, come a Manchester 2003. L’immagine dell’Italia è un po’ appannata: portare due squadre a Mosca, dopo la vittoria intercontinentale del Milan, sarebbe un’ottima risposta.